Archive for novembre 2009

10 (evidenti) motivi per cui Berlusconi non può essere mafioso

30 novembre 2009

10 – Perché non l’hanno preso ai test di ammissione

9 – Perché non si occupa più delle sue cose da quando è entrato in politica

8 – Perché i mafiosi non ridono alle sue barzellette

7 – Perché nella mafia c’è poca gnocca

6 – Perché non gli hanno fatto costruire Palermo 2

5 – Perché non digerisce gli arancini

4 – Perché lui al massimo concepisce “Cosa mia”

3 – Perché già è amico di Putin

2 – Perché la Piovra e il Caimano vivono in habitat diversi

1 – Perché la mafia non esiste, Berlusconi esiste fin troppo

Annunci

Padrini-padroni

28 novembre 2009

Berlusconi: “Strozzerei chi ha fatto La Piovra. E se non lo trovassi, strozzerei un suo parente.”

Dice che chi parla della mafia nei libri e nei film rovina l’immagine dell’Italia. E, un po’, anche la sorpresa.

Certo, non è facile scherzare sulla mafia con tanta leggerezza. Bisogna esserne Capaci.

Libera nos a maalox

26 novembre 2009

Marrazzo pentito scrive al Papa: “Santità perdoni le mie debolezze. P.S. Saluti da Natalì”

Filippine: è un sindaco il responsabile del folle massacro di Mindanao. Gentilini prepara la richiesta di gemellaggio.

Varallo: la giunta leghista espone cartelli anti-burqa. Il provvedimento esclude i consiglieri comunali che potranno così continuare a girare con le mutande in testa.

Il Senato blocca la pillola RU486 e impedisce l’arresto di Cosentino. Catto-camorristi.

Very Hard Disk

25 novembre 2009

Arrestato il professore universitario catanese accusato di avere chiesto sesso in cambio di promozioni agli esami. Ora ha tutti i requisiti per fregare il posto alla Gelmini.

Napolitano presenta il suo libro dal titolo “Il patto che ci lega”. Lui gli firma le leggi, l’altro non lo sputtana.

I ROS hanno trovato nel pc di Brenda oltre sessantamila file. E appena scaricano Pkzip cominceranno ad aprirli.

Quanto potere

24 novembre 2009

Da quando il premier ha detto che spiegherà agli italiani l’esigenza della riforma della giustizia, la sua macchina mediatica si è messa in moto. Zabajone è in grado anticiparvi le ipotesi attualmente allo studio.

Maratona Forum – Si tratterebbe di un programma sullo stile di Telethon, con una durata sufficiente perché il premier possa spiegare nel dettaglio tutte le sue cause. Per l’occasione è stato riesumato il giudice Santi Licheri – ancora in discrete condizioni – ed è stata allertata la conduttrice Rita Dalla Chiesa, almeno finchè Berlusconi non si è accorto che è la figlia di uno che combatteva la mafia. Per ogni processo è previsto il voto di un pubblico selezionato tra i consumatori di Gran Soleil, vista la loro attitudine a ingurgitare schifezze.

Mattino e Primo Pomeriggio Cinque – Il programma di Brachino sospenderebbe momentaneamente l’approfondimento quotidiano sui trans per lasciare il posto a una lunga intervista al premier. La prima idea del conduttore (far seguire da una telecamera nascosta il presidente del consiglio durante le sue attività quotidiane) è stata bocciata in quanto considerata una scopiazzatura dello scoop della D’Addario.

Matrix 2009 – Considerando troppo banale l’ipotesi di una puntata speciale di Matrix, il premier avrebbe optato per il remake del film omonimo. Berlusconi interpreterebbe Neo, un non più giovane eroe predestinato alla salvezza del mondo e ossessionato dalla pillola blu che gli fa scoprire la verità sulla difficoltà di erezione. Nel ruolo del malvagio computer che controlla il mondo Marina Berlusconi, nel ruolo del suo mouse Signorini.

Grande Fratello Colpo a Sorpresa – Durante la prossima puntata del reality show si creerà una notevole suspence dopo che il concorrente trans svelerà di essere figlio di primo letto della povera Brenda. A quel punto dall’abito di Alessia Marcuzzi uscirà il premier, che spiegherà agli italiani la riforma della giustizia. Il dubbio principale è che a quel punto Berlusconi non esca, preferendo passare la serata nel comodo nascondiglio.

Porta a Porta Limited Edition –
Questa sarà probabilmente l’opzione scelta. Per l’occasione il programma andrà in onda da Villa Certosa e Vespa verrà interpretato dal maggiordomo di Berlusconi, più dignitoso e professionale. Ospiti del programma saranno Abatantuono, che in un film fece il giudice, e il commissario REX come rappresentante delle Forze dell’Ordine. Per mantenere alta l’attenzione del pubblico il programma verrà intervallato da una riedizione di Colpo Grosso, con Tanzi e Fiorani come concorrenti.

Emigrati Arabi

22 novembre 2009

Berlusconi arriva in Qatar e subito racconta quella sul tipo che aveva la tosse.

C’è andato quando ha saputo che lì si trovano molte commesse italiane.

Capitato Ultimo

21 novembre 2009

Cappella Sistina, il Papa incontra 259 artisti e Raoul Bova.

Da domani su Repubblica.it la nuova raccolta di firme dal titolo “No agli assassini dei transessuali”. Hanno già firmato Lino Banfi e Nelson Mandela.

10 cose che può fare D’Alema, ora che ha tempo

20 novembre 2009

10 – Cancellare i porti inglesi dalle sue rotte

9 – Candidarsi a Presidente della Repubblica, perdendo

8 – Proporre qualcosa di originale, tipo una Bicamerale

7 – Pedinare Rutelli per vedere dove va e se ne vale la pena

6 – Candidarsi a capogruppo del PD, perdendo

5 – Punire Marino per essersi presentato alle primarie

4 – Imparare a memoria il libro di Veltroni

3 – Candidarsi a sindaco di Gallipoli, perdendo

2 – Lavorare affinché ci sia di nuovo un governo di sinistra.

1 – E, appena si vincono le elezioni, farlo cadere.

Cold case

19 novembre 2009

Un testimone: “Emanuela Orlandi è morta”. Di vecchiaia, immagino.

Sì, viaggiare

19 novembre 2009

Dalla Corte Suprema del Brasile sì all’estradizione di Battisti. Quattro giudici per lui non posson bastare.

Berlusconi: “Mai pensato al voto. Fosse per me non si farebbero nemmeno più le elezioni.”

Alla fine non si capisce chi ha massacrato Cucchi tra i carabinieri e gli agenti penitenziari. Che scoprirlo a questo punto è anche un fatto di orgoglio di corpo.

Ma Giovanardi è ottimista: “Alpini e bersaglieri sicuramente innocenti, non crolla la fiducia nello Stato.”

Influenza A, la Polonia contro il vaccino. Neanche stavolta temono l’invasione.