Posts Tagged ‘Gheddafi’

Dieci cose che capiteranno in un futuro prossimo, quando saremo invasi dai libici

3 marzo 2011

1) Il Papa dirà che la poligamia va bene, ma non quella tra gay

2) Qualcuno avrà nostalgia dei rumeni

3) Dalla De Filippi aggiungeranno alla squadra blu e a quella bianca anche la squadra marroncina

4) Verrà approvato il federalismo etnico

5) Gheddafi ci chiederà dei soldi perché gli abbiamo rubato il popolo

6) Berlusconi glieli darà

7) Ogni città avrà un minareto, ma il muezzin potrà intonare solo canzoni di Albano

8 ) Il governo accelererà i progetti per il ponte di Bengasi

9) Il candidato del PD alle primarie verrà battuto da un cammello

10) Vincerà comunque la Lega, per arginare quei terroni del Ciad

Annunci

Ieri sera

24 febbraio 2011

Ieri sera Bossi ha detto che ormai se lo sente in tasca. E io spero parlasse del federalismo.

Ieri sera il TG1 ha detto che Prodi era amico di Gheddafi. Ma non abbastanza, perchè il bunga bunga l’ha insegnato a quell’altro.

Ieri sera hanno mostrato le fosse comuni di Tripoli e qualcuno ha smarcato i nomi dalle previsioni degli arrivi.

The times they are a’changing

24 febbraio 2011

La malinconia per la caduta di questi dittatori che coniugavano figa e islam. Ora vengono gli ayatollah, e non si scopa più.

Ciao, sono io

23 febbraio 2011

Pronto, vorrei parlare con Muhamm… ah, sei te? scusa non ti riconoscevo, mamma mia che voce hai… si lo so che c’è casino… lo dicono i telegiornali, noooo non i miei, tranquillo, i miei intervistano Frattini e dicono che lì è un posto bellissimo per fare le vacanze… no, non posso obbligare Minzolini a dirlo però, quest’anno gli ho già chiesto abbastanza favori… dai, dimmi un po’ come va… sì ma non urlare… non urlare che non sono sordo… come dici? ratti drogati con le pillole?… mi sembra un po’ una cazzata ma non è male… magari la uso… senti, lo sai che non è vero che gli abbiamo dato i razzi, eh… no, non urlare… te lo giuro, ma ti pare che io do i razzi per far sì che l’America vi conquisti… che anche questa è una cazzata ma magari la uso, metto magistratura al posto di America… sì, scusa, ti ascolto.. non dire che non siamo amici, cribbio, non lo dire… che per ospitarti in quel modo, le tende, i cavalli, mi stanno ancora prendendo per il culo in mezzo mondo… ah, a proposito, la storia del bunga bunga è venuto fuori un casino… ah, lo sai? come fai a saperlo?… prendete Annozero?… non c’è un cazzo da ridere, sai… non è che te stai messo meglio… non urlare, perfavore… e non li abbiamo dati noi i razzi, non lo dire più, non lo dire più… senti, ora ti lascio, che gli devo dire a Obama… no, a parte vaffanculo eccetera, dico che ti dimetti?… ah, combatti fino alla morte?… beh, un po’ ti capisco, sai… a proposito, un attimo, non buttare giù… quando hai detto che comanderai il Nordafrica e il Sudamerica eri serio?… perchè nel caso a me interessa la Guyana… ok ciao… va bene, riguardarti, non ti disturbo oltre, ciao

Ciao sono io…

19 febbraio 2011

Silvio B. è preoccupato per Gheddafi e non lo chiama per non disturbarlo. Sa che sbagliare mira è un attimo.

Libia(m): l’amore ai tempi della collera

10 febbraio 2011

Gli studenti libici hanno organizzato per il 17 febbraio la Giornata della Collera contro il regime di Gheddafi: fallito per un soffio il gemellaggio con l’analoga manifestazione che si svolgerà in tutte le piazze il giorno 13 contro il suo omologo italiano.

«È un pover’uomo, non ha colpe» ha affermato il colonnello, affrettandosi a precisare che si riferiva a Mubarak.
Intanto, come già Tunisia, Egitto, Yemen, Giordania, Marocco, Algeria e Siria, anche il governo italiano cede alla pressante richiesta di riforme economiche della piazza. Affari.
La novità più rilevante è l’investimento di 100 milioni di euro sulla banda larga. Per qualche tempo infatti i festini si potranno organizzare solo su skype da San Vittore.

In attesa delle prossime giornate della collera intanto, oggi si è celebrata la giornata del coma vegetativo. È stata, come da più parti auspicato, una giornata moscia. Anche se, a confronto con la vivacità della sinistra, pareva di stare al carnevale di Rio.

Conversioni a gettone

30 agosto 2010

Franco Frattini respinge le accuse per avere ricevuto Gheddafi: «Credevo fosse Tony Santagata».

Per festeggiare il secondo anniversario del trattato di amicizia tra Italia e Libia, l’aviazione francese abbatterà un aereo di linea su Ustica. Per rendere più spettacolare l’evento il velivolo cadrà su un barcone di clandestini.

Sfortunato episodio all’aeroporto: all’aereo presidenziale è stata messa la scaletta.

Assoldate 500 hostess per una conferenza sul Corano: il discorso del colonnello è stato così persuasivo che due di loro hanno soffocato i genitori nel sonno, una ha sgozzato il tassista e sedici hanno torturato la colf.

In realtà tre delle ragazze si sono effettivamente convertite. Gheddafi ha officiato un rito velocizzato per regolarizzare la loro scelta. Poi si è chiuso la patta ed è tornato a sparare cazzate in attesa di fottersi anche Unicredit, Telecom, Terna, Finmeccanica, Impregilo, Generali e l’Eni.